News nazionali – 16 luglio 2020

Per un nuovo Welfare le proposte della Società Civile
Durante i difficili giorni dell’emergenza Covid, in tanti, istituzioni del terzo settore, enti ecclesiali, scienziati dell’economia civile, si sono uniti  in un Appello per  chiedere al Governo di essere ascoltati e coinvolti  nella progettazione sociale possibile del paese. L’Appello ”Per un Nuovo Welfare le proposte della Società Civile” è stato sottoscritto anche da Auser Nazionale.
Al seguente link http://perunnuovowelfare.it è possibile leggere e firmare l’Appello e scaricare  l’Instant Book che raccoglie per temi le proposte scaturite dai promotori.
I documenti dell’Appello riguardano i seguenti settori: salute, patto per l’imprenditoria civile, accoglienza diffusa, povertà educativa, agricoltura inclusiva, riconversione ecologica, pace e disarmo.

Emergenza caldo, sul sito www.auser.it l’elenco “Dalla A alla Z” delle iniziative dei comuni e del volontariato
Sul sito www.auser.it è stata attivata la sezione “Dalla A alla Z – Le iniziative dei comuni e del volontariato contro l’emergenza caldo”.
L’elenco, aggiornato costantemente, raccoglie tutte le iniziative che le associazioni Auser, il mondo del volontariato in genere, i comuni e le istituzioni, hanno attivato in questi giorni per aiutare gli anziani a passare serenamente l’estate ed evitare i disagi legati al caldo.
La pagina è raggiungibile a questo indirizzo

Auser aderisce all’edizione 2020 di Puliamo il mondo
Auser Nazionale ha rinnovato la propria adesione all’iniziativa di Legambiente  Puliamo il mondo che si terrà a settembre il 25,26 e 27. La XXVIII edizione di Puliamo il Mondo sarà la prima grande iniziativa di volontariato ambientale in programma nell’Italia post coronavirus e attraverso la quale  si lancerà un messaggio di speranza e futuro sostenibile al Paese in forte difficoltà. Novità di questa edizione 2020 saranno anche i luoghi che i volontari andranno a ripulire. Oltre ai tradizionali spazi urbani – piazze, strade, vie, aree verdi, giardini – la campagna quest’anno amplierà il suo raggio d’azione per ripulire anche spiagge e sponde dei fiumi con un focus speciale dedicato, per evidenziare come la grande emergenza dei rifiuti in mare dipende dalle nostre abitudini e modelli di produzione e consumo sulla terraferma. Verrà replicata l’indagine sulla quantità e tipologia dei rifiuti abbandonati nell’ambiente “Park Litter”, il primo monitoraggio di citizen science a cura dei volontari di Legambiente per offrire una stima dell’entità del fenomeno iniziato nel 2018. Un ulteriore strumento per analizzare e denunciare i problemi, ma anche per offrire nuove occasioni di attività scientifiche partecipate e collaborative a cittadini e giovani. Inoltre come ogni anno verranno coinvolte aziende e scuole. Legambiente, per l’organizzazione di Puliamo il mondo e le varie attività di pulizia, rispetterà tutte le misure di sicurezza e di distanziamento che verranno indicate in questa fase post emergenziale.
Per info: www.legambiente.it

Patrocinio Auser alla dodicesima settimana di prevenzione dell’invecchiamento mentale
Auser Nazionale ha rinnovato il proprio patrocinio gratuito all’edizione 2020 della Settimana della Prevenzione dell’Invecchiamento Mentale, promossa da Assomensana. La Dodicesima settimana si svolgerà dal 21 al 26 settembre.
Durante l’iniziativa specialisti di tutta Italia (psicologi, neuropsicologi e geriatri) apriranno  per una settimana i loro studi professionali a chiunque ne faccia richiesta, per fare un check-up gratuito e valutare lo stato di salute delle attività cognitive.
Tutte le info sul sito www.assomensana.it

Ripensare gli ambienti condivisi per prevenire la disabilità. Progetto Tapas in Aging di Auser Lombardia e Istituto Besta
Ripensare gli ambienti condivisi può diventare fattore di prevenzione rispetto a condizioni di disabilità: l’esperienza del Covid-19 ci ha portato a pensare con consapevolezza all’esigenza di avere spazi più sicuri ed inclusivi. Ambienti costruiti (cioè progettati e creati da mani umane) che siano facilitanti per bambini, disabili e anziani renderanno la vita più semplice anche all’adulto in pieno vigore e renderanno le città davvero a misura d’uomo. In caso di un nuovo periodo di lockdown, come vorremmo migliorare i nostri ambienti di vita, per farli diventare dei facilitatori? Ecco il tema principale esaminato durante il webinar organizzato il 9 luglio 2020 da Auser Regionale Lombardia e dalla Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta, nell’ambito del progetto “Tapas in Aging”; sono intervenute Matilde Leonardi (Direttrice U.O.C. Neurologia, Salute Pubblica e Disabilità della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico ‘Carlo Besta’, che si occupa di progetti europei ed internazionali relativi anche alla gestione delle emergenze), le psicologhe Erika Guastafierro e Claudia Toppo (ricercatrici del progetto Tapas e dirette collaboratrici della dott.ssa Leonardi), l’architetto Paola Bucciarelli, Rosa Romano (responsabile della progettazione di Auser Regionale Lombardia) e Lella Brambilla (Presidente di Auser Regionale Lombardia). Il progetto biennale Tapas, finanziato da Fondazione Cariplo e attivo fino ad aprile 2021, studia (secondo il modello bio-psico-sociale) l’impatto che spazio, tempo, ambiente e relazioni.
“I luoghi sono identitari per le persone – ha dichiarato Lella Brambilla – perché sono le loro storie, i loro ricordi, le strade sono luoghi della memoria, di incontro e di emozioni. Ci troviamo bene in un luogo e ci vogliamo tornare perché ci aiuta a vivere meglio e dunque bisogna stare molto attenti a creare i non-luoghi nelle nostre città. Sta arrivando l’estate, per l’anziano che resta a casa la soluzione non deve essere il supermercato: Auser ha centri che definiamo “aperti per ferie”, che sono presidio di sicurezza per le persone. La telefonia sociale è sicurezza. La partecipazione è sicurezza. Alcune scelte scellerate nelle RSA durante il picco del Covid-19 e la considerazione dell’anziano come sacrificabile, che è passata da alcuni media, sono state un grave passaggio sociale e Auser ha aiutato tantissimi anziani impauriti e disorientati. Tutti i dati fruibili che abbiamo raccolto finora insieme all’Istituto Besta e le nostre esperienze associative sull’intero territorio lombardo ci dicono che il tema centrale è la domiciliarità, il  diritto dell’anziano a invecchiare a casa propria.
Per info e materialI:  www.auser.lombardia.it

Auser Piacenza cerca urgentemente volontari: dai “nonni paletta” fuori dalle scuole alla vigilanza di musei e biblioteche
Cercasi volontari per attività socialmente utili a Piacenza. Chi fosse interessato anche solo per informazioni o chiarimenti può telefonare ad Auser allo 0523/320761 al mattino e chiedere di Daniele. E’ possibile presentarsi presso la sededi via Musso, 5, a Piacenza in orari d’ufficio oppure mandare una email all’indirizzo amministrazione@auserpiacenza.it.
“Necessitiamo di volontari attivi in modo urgente, anche in vista dell’apertura delle scuole dove i volontari Auser svolgono un ruolo importante nei momenti di ingresso e uscita degli studenti” spiegano da via Musso. Il volontariato di AUSER Piacenza è organizzato e coperto da una convenzione disponibile per la consultazione sul sito del proprio Comune, e prevede rimborsi spese per l’attività.
Tra le “figure” più ricercate ci sono i “nonni paletta”, ossia quel servizio di vigilanza presso gli edifici scolastici allo scopo di tutelare la sicurezza all’entrata e all’uscita, o sui pullman, in affiancamento al personale viaggiante. Fondamentale il ruolo di Auser Piacenza e dei suoi volontari nei poli della cultura pubblica piacentini: biblioteche, musei, mostre speciali. “Nei luoghi in cui è contenuto il patrimonio culturale della collettività, i volontari garantiscono una migliore fruizione, attività importante soprattutto oggi. E ancora: assistenza alle mense scolastiche, supporto alle attività del Tribunale o della Procura e alla “Casa di Iris” e nelle strutture pubbliche l’aggiornamento delle bacheche.

Nasce Auser Rende Informa, il giornale associativo dell’Università Popolare della Libera Età
“Ripartiamo da questo giornale – scrive Elena Hoo nell’editoriale del primo numero   che esce in modo sperimentale – per diffondere informazione e dare valore ai bene che produciamo: cultura, apprendimento, socialità, condivisione; ancora ci avventureremo in territori inesplorati, perché il modo migliore di rafforzarci come comunità è continuare a costruire nuove reti di solidarietà, e infinite opportunità di crescita sociale”.
Auser Rende per tutto il tempo dell’emergenza sanitaria ha continuato a svolgere iniziative culturali da remoto, utilizzando piattaforme e spazi di condivisione messi a disposizione dalle nuove tecnologie.
“Ripartiremo a settembre con attività in presenza e con un numero di partecipanti limitato – scrivono –  ripetendo gli incontri laddove necessario, ma non abbandoneremo le attività on line, perchè la capacità di utilizzo delle tecnologie è ormai diventata uno strumento indispensabile nella vita quotidiana Rivolgeremo quindi una grande attenzione alle competenze digitali affinché nessuno resti escluso e non si corra il rischio di svolgere una attività elitaria”.

Perugia, volontari pronti per il rientro a scuola
Mentre i dirigenti scolastici passano da un tavolo tecnico all’altro e le inventano di tutti i colori per far tornare i conti (leggi ricerca degli spazi che garantiscono il distanziamento sociale degli alunni), l’Auser Umbria dice di essere pronta a schierare i suoi volontari, già impegnati in diversi ambito scolastici, anche in supporto della didattica alternativa. «E’ chiaro – spiega la presidente Tiziana Ciabucchi – il nostro non è un servizio che si può improvvisare, va strutturato e organizzato. Abbiamo volontari di tutte le età, non solo pensionati, appositamente formati tramite corsi di aggiornamento sulla sicurezza e in materia di emergenza. Durante l’anno scolastico, con i nostri 1800 volontari, ci occupiamo di vigilanza all’uscita e all’entrata delle scuole, siamo di supporto al piedibus e agli insegnanti nell’accompagnare gli studenti durante le trasferte didattiche. Operiamo nei centri estivi e ci occupiamo di tutoraggio nel trasporto scolastico. Queste funzioni ci sono state affidate dai Comuni, dalle scuole e dalla Usl attraverso la firma di apposite convenzioni, fatte su bandi pubblici. All’occorrenza – e nelle nostre possibilità – conclude Ciabucchi – possiamo dare una mano ai capi d’istituto per gestire in sicurezza il rientro a settembre». Intanto i presidi preparano mappature e relazioni da inviare all’Ufficio scolastico regionale.
Fonte: La Nazione

Legnago (VR), contro il caldo condizionatori a domicilio agli anziani
Per alleviare i disagi della popolazione anziana alle alte temperature estive, il comune di Legnago (VR) ha provveduto all’invio di alcuni climatizzatori portatili nelle abitazioni di persone prive di impianto, grazie alla collaborazione dei volontari Auser che si sono occupati del recapito. Altri apparecchi verranno consegnati a chi ne farà richiesta nei prossimi giorni.
Fonte: L’Arena di Verona

Fornovo (PR), al mercato con i volontari Auser
Il mercato ambulante del martedì a Fornovo di Taro (PR) si è arricchito di nuove figure, impegnate per la buona riuscita. Si tratta dei volontari Auser, impegnati ogni settimana, sia all’ interno del Foro, dove sono allestiti i banchi alimentari, che in giro per le piazza. In base ai protocolli relativi all’organizzazione dei mercati il loro compito è quello di aiutare il pubblico ad evitare assembramenti ed invitare chi non lo fa ad indossare la mascherina. In generale la loro presenza è un invito al rispetto delle regole e un segno del ritorno alla normalità del martedì mattina, da sempre «occupato» per i fornovesi dalla spesa e dalla passeggiata tra i banchi.


Ravenna, “Regaliamo la spesa a chi non ce la fa”

Mirella Rossi, presidente di Auser, insieme ai suoi volontari ha toccato con mano, nei mesi scorsi, l’impoverimento causato dall’emergenza sanitaria Covid-19: «Noi ci siamo occupati, e per la parte dei buoni spesa e della consegna farmaci ancora ci stiamo occupando, del forese del territorio di Ravenna. Un’esperienza che, al di là della paura e della sofferenza, è stata molto toccante: tanti volontari hanno risposto alla chiamata del sindaco e si sono uniti a noi, senza contare che entrare nelle case delle persone per dare una mano è stato molto bello. Abbiamo visto tanta dignità». Per andare incontro a un bisogno esponenziale di sostegno economico, a un certo punto Auser ha emanato una delibera, come ufficio di presidenza, per poter regalare delle spese a chi non ce la fa: «Spesso si è trattato di famiglie che prima del Coronavirus non avevano difficoltà ma che, a causa dello stop alle attività lavorative, magari perché a partita Iva, stagionali o precari, si sono trovati senza liquidità. In molti casi famiglie italiane, giovani, con bambini piccoli. Più volte, come forma di ringraziamento, ci sono arrivati i loro disegni». Varcando le porte di casa della gente, Auser ha registrato tutte le difficoltà del momento: «Tra mutui da pagare, la cassa integrazione che tardava ad arrivare e l’isolamento, ci siamo resi conti di quanto bisogno ci fosse. Ma allo stesso tempo di quanto basti poco, a volte, per portare un po’ di sollievo».
Fonte: setteserequi


Legnano (MI), torna “Estate Gentile”

E’ tornata “Estate gentile“, l’iniziativa a favore della popolazione anziana di Legnano (MI) promossa dai Servizi Sociali del Comune e quest’anno coordinata da Auser, con il supporto di Croce Rossa, Protezione Civile e giovani volontari. Fino al termine di agosto, gli operatori forniscono compagnia telefonica agli utenti, si accertano delle loro condizioni di salute, ricevono e soddisfano eventuali richieste (accompagnamenti, consegna di spesa e farmaci), ovviamente nel rispetto delle misure volte a contenere la diffusione del Coronavirus.
I volontari sono muniti di tesserino Auser con fotografia. Per accedere al servizio occorre chiamare il numero verde di Auser Filo d’Argento 800.995988, attivo 24 ore su 24 (con cellulare, è possibile chiamare anche lo 0331.455042, da lunedì a venerdì, fra le 9 e le 12 e fra le 15 e le 18).
Fonte: sempionenews.it

Saronno (VA), bilancio positivo per il 2019 e i timori per il 2020
Si è tenuta  a Saronno l’assemblea per l’approvazione del bilancio e della relazione dell’attività dell’Auser. Il 2019 ha visto ottimi risultati con un notevole incremento di tutte le attività di volontariato (trasporti e accompagnamento anziani e disabili, laboratorio Alzhauser, laboratorio socializzazione – aggregazione, compagnia a domicilio, spesa a domicilio, punto d’ascolto). Il sodalizio ha ringraziato il Comune per il sostegno economico. Nel corso dell’incontro si è anche parlato dei timori per l’andamento dell’anno soprattutto per quanto riguarda la diminuzione di volontari e delle occasioni di raccolta fondi a causa dell’emergenza Coronavirus.
Fonte: Il Saronno

In Maremma mascherine della Regione Toscana distribuite dai volontari Auser
A partire da lunedì  13 luglio Auser in collaborazione con il Comune di Roccastrada provvederà alla distribuzione delle mascherine della Regione Toscana secondo un calendario definito e concordato, nelle frazioni ove le edicole non si occupano della distribuzione o dove non sono presenti. Auser provvederà a distribuire le mascherine a Ribolla, Sticciano Scalo, Sticciano Paese, Montemassi e Piloni.  I cittadini per ritirare le mascherine dovranno esibire la tessera sanitaria.
“Apprezzo molto questa iniziativa dell’Auser – queste le parole del Sindaco Francesco Limatola – che si unisce alle preziose forme di collaborazione messe in campo su tutto il territorio comunale in particolare nel periodo dell’emergenza sanitaria e che ha previsto la consegna dei pacchi a domicilio e l’aiuto di ogni genere alle persone bisognose. Ringrazio anche la Regione Toscana che ha accolto la proposta del Comune di Roccastrada di farsi carico della distribuzione in località non servite dalle edicole, fornendoci l’accredito all’app per la lettura della carta sanitaria”.
Fonte: maremmanews

Riprendono gli incontri festosi di Auser Ticino Olona
L’hanno chiamata la  “Festa del gelato” quella che si è svolta  venerdì 10 luglio, al ristorante “Il Giardino” di via Marconi a Legnano, organizzata per gli anziani del gruppo “Insieme ballando”, di Auser Ticino Olona. Un incontro conviviale riservato agli iscritti della sezione legnanese di Auser, per celebrare l’estate in compagnia, e la ripresa delle attività di aggregazione, nel pieno rispetto delle regole anti Covid-19. Tavoli distanziati e mascherine, si è svolta una cena accompagnata da musica dal vivo, per una cinquantina di anziani che hanno risposto all’invito di Lea Ruggeri Balice, coordinatrice del gruppo.
Un ritorno alla normalità, la prima festa di Auser Ticino Olona dopo il lockdown, per stare insieme dopo i mesi più critici che hanno azzerato le occasioni di vicinanza.
I balli di gruppi, a fine pasto, hanno rispettato il distanziamento tra i partecipanti che hanno potuto ugualmente divertirsi insieme. “Questo momento di festa è il primo dopo tanto tempo: bello vedervi qui, in un’atmosfera serena e distesa. Questa serata è l’immagine autentica di cosa intende Auser quando racconta le esperienze di invecchiamento attivo”, ha commentato Oreste Casati, vice presidente di Auser Ticino Olona, che ha portato alla festa i saluti di Pinuccia Boggiani, presidente.
Il 28 agosto “Insieme ballando” si ritroverà per un altro momento conviviale, la “Festa dell’anguria”.
Fonte: settenews

Barberino Tavernelle (FI), il lento ritorno alla normalità
Organizzate le prime gite fuori porta, ripresi i trasporti sociali e da giovedì inizia in via sperimentale il servizio di accompagnamento al mercato e supermercato da una frazione. Con tutte le precauzione e gli accorgimenti necessari. Prosegue intanto il servizio di consegna spesa a domicilio. Auser volontariato Insieme di Barberino e Tavarnelle sta affrontando la fase post emergenziale e riorganizzando l’attività ricreativa, culturale e di sostegno alle persone più fragili. Inoltre per settembre fino a novembre è già fissato il calendario delle presenze dei volontari Auser come front-office nella campagna di screening contro il tumore colon retto. “I nostri cellulari sono sempre accesi, tutto il giorno e tutti i giorni, per far fronte alle necessità di chi ha bisogno” sottolinea il presidente Paolo Pandolfi.

Capo d’Orlando (ME), presentazione del libro “Crescere non invecchiando”
Il prossimo 18 luglio alle ore 18.00  si terrà  presso la biblioteca comunale di Capo d’Orlando (ME) la presentazione del libro “Crescere non invecchiando” di Massimiliano Squillace. A margine della presentazione si terrò una tavola rotonda sui corretti stili di vita, la prevenzione e il rapporto con l’ambiente. Il focus dell’evento sarà la stretta interconnessione tra mente e corpo nel mantenimento di una buona efficienza generale in rapporto all’avanzare dell’età.
Per info: Massimiliano Squillace 3382116639
Benevento. Il tempo sospeso, un libro per raccontare quanto vissuto nel lockdown
“Il tempo sospeso” è un libro scritto a più mani frutto di una iniziativa di Auser Uselte l’Università Sannita dell’età libera e della terza età sezione di Benevento. E’ stato presentato al pubblico il 13 luglio nel giardino del complesso Dg Garden. Prende spunto dalle attività in remoto portate avanti dall’Auser durante il difficile periodo di lockdown. Tante testimonianze e racconti elaborati e messi insieme da cinque socie e un giovane studente liceale. “Una storia di illusioni e delusioni – si legge in una nota – di sofferenza ed entusiasmo, di abbandoni e di incontri, di scelte errate e di resilienza. Una storia di sensi e di senso ritrovato, nonostante o forse proprio grazie al male che domina il pianeta. Una luce, la vera che è principio di vita in ogni caos, che è il segreto dell’armonia in ogni vita. Amare riconoscendo l’altro per quello che è e non amare l’ombra dell’amore.”

Molfetta (BA), tornano gli incontri culturali e ricreativi
Dopo la lunga parentesi determinata dall’emergenza del Coronavirus, Auser Molfetta ha organizzato nei giorni scorsi, in presenza, una serata di intrattenimento musicale, con la giovane  violinista Annalisa Salvemini, socia Auser. “Abbiamo trascorso un’ora di buona musica con un repertorio di arie e di canzoni di grande popolarità – raccontano – Con il concerto di Annalisa abbiamo effettuato anche un test sul grado di applicazione, nella nostra sede, delle normative anticovid, in vigore, con particolare riferimento al distanziamento e all’uso della mascherina. Possiamo affermare che la “prima è stata buona” anche dal punto di vista dell’organizzazione anticovid. Ovviamente le buone abitudini, non le abbiamo cambiate. Per finire, gelato per tutti”.

Montemignaio (AR), le donne dell’Auser nell’era del Coronavirus
Auser Arezzo, Montemignaio, Casentinese e Terra di Piero organizzano per domenica 26 luglio alle ore 10,30 presso il parco giochi La Pista di Montemignaio, un incontro dibattito sul tema “L’Auser e le donne dell’Auser nell’era del Coronavirus”. Saranno presenti, oltre alle Presidenze delle Auser promotrici, Roberto Pertichini Sindaco di Montemignaio, Simonetta Bessi  Presidente Auser Regionale Toscana, Vincenzo Ceccarelli Assessore Regione Toscana, Anna Calvani Responsabile area benessere salute e comunità Auser Toscana, Paola Colozzi Fisioterapista Azienda Usl sud est. Presenta l’iniziativa Lia Baldi presidente Auser Montemignaio. Al termine dell’evento scampagnata nel parco.

 

Dal Sindacato

Tasse, pensioni, non autosufficienza. I sindacati dei pensionati fissano le priorità
Abbassare le tasse anche ai pensionati, aumentare il loro potere d’acquisto e definire una volta per tutte una legge quadro nazionale sulla non autosufficienza. I Sindacati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil fissano i loro paletti e si rivolgono al governo con tre lettere indirizzate al premier Giuseppe Conte e ai Ministri del Lavoro Nunzia Catalfo, dell’Economia Roberto Gualtieri e della Salute Roberto Speranza per chiedere di avviare quanto prima un confronto su temi di estrema rilevanza per la vita di milioni di pensionati e di persone anziane. I Sindacati evidenziano in particolare le criticità del sistema fiscale italiano, tra le quali un’evasione e un’elusione tra le più alte d’Europa, e rilanciano l’assoluta necessità di ridurre le tasse sui redditi da pensione. Inoltre non più rinviabile, dopo l’emergenza Covid, la convocazione di un tavolo sulla non autosufficienza per garantire livelli essenziali sanitari e di assistenza uguali in tutto il paese. Sulle pensioni infine la richiesta è quella di riprendere una discussione, interrotta bruscamente dalla diffusione della pandemia, sul recupero e sull’aumento del potere d’acquisto dei pensionati.
Per info: www.spi.cgil.it

 

 

Anziani e dintorni

Nelle case di riposo lombarde il conto per anziani e parenti è sempre più salato
Ormai anche nelle Rsa più a buon mercato, si arriva a pagare oltre 18 mila euro all’anno. Cinque anni fa era intorno ai 15 mila euro. E ora con l’emergenza Covid-19 le Rsa stanno ritoccando verso l’alto le rette giornaliere, da 2 a 8 euro di rincaro. Sembrano pochi, ma in un anno vuol dire dai 720 ai 2.880 euro in più da pagare. È quanto denunciano le segreterie regionali dei sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil. “A questi importi, già notevoli, in molti casi bisogna poi sommare vari costi aggiuntivi extra retta (lavanderia, parrucchiere e podologo, trasporti sanitari per visite mediche, ecc.). Insomma, le spese a carico delle famiglie per il ricovero di un anziano in una RSA sono in continuo aumento, anche in periodo Covid, mentre pensioni e indennità di accompagnamento sono al palo”. Gli aumenti delle rette riguardano solo la quota a carico delle famiglie e dovrebbe riguardare solo il “servizio alberghiero”. La quota sanitaria è invece a carico della Regione. Per legge la quota della Regione dovrebbe coprire il 50% della retta giornaliera. Ma, denunciano i sindacati, nei fatti non è così, perché da anni i contributi della Regione sono bloccati. E così “il costo delle Rsa per le famiglie è più alto, intorno al 60%, mentre regione Lombardia è ferma al 40 % per cento -scrivono i sindacati in una nota-. La quota sanitaria a carico del Ssn viene corrisposta da Regione Lombardia direttamente agli enti gestori, ma siamo di fronte a una situazione “fuori legge, che viene denunciata solamente dai sindacati dei pensionati. In presenza di costi crescenti richiesti da cure sempre più specializzate anche dal punto di vista sanitario, da garantire a anziani in condizioni gravi e complesse, alcuni gestori riversano sulla quota sociale una parte degli oneri sanitari che devono sostenere”. Dato che la Regione paga poco, le Rsa caricano di più sulla retta alberghiera.
Fonte: Redattore sociale
 

Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Terzo settore, pubblicato l’avviso 2/2020 relativo al finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale
Pubblicato il Decreto Direttoriale n. 234 del 9 luglio 2020 e l’allegato “Avviso 2/2020″, con il quale sono individuati sulla base degli obiettivi generali, delle aree prioritarie di intervento e delle linee di attività contenute nell’atto di indirizzo, D.M. 44 del 12 marzo 2020, le modalità di assegnazione ed erogazione del finanziamento, le procedure di avvio, l’attuazione, la rendicontazione degli interventi finanziati nonché i termini e le modalità di presentazione delle iniziative e dei progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell’art. 72 del D.lgs 117/2017 e s.m.i.
Per la presentazione della domanda di finanziamento dovrà essere utilizzata, a pena di esclusione, la modulistica prevista.
La documentazione redatta secondo le indicazioni contenute nell’Avviso 2/2020 dovrà pervenire, a pena di esclusione, all’indirizzo di posta elettronica certificata dgterzosettore.div3@pec.lavoro.gov.it entro e non oltre le ore 15 dell’1 settembre 2020.T
Tutte le info su www.forumterzosettore.it

Save the Children. Milioni di bambini nel mondo rischiano di lasciare la scuola per sempre
Per la prima volta nella storia dell’umanità un’intera generazione di bambini a livello globale ha dovuto interrompere la propria istruzione: la chiusura delle scuole per contenere la diffusione del Coronavirus nella fase più acuta dell’emergenza ha lasciato 1,6 miliardi di bambini e adolescenti fuori dalla scuola – circa il 90% dell’intera popolazione studentesca. Ad oggi sono 1,2 miliardi gli studenti colpiti dalla chiusura delle scuole, prima dell’emergenza erano molto meno di un quarto, 258 milioni. I profondi tagli al budget per l’istruzione e la crescente povertà causati dalla pandemia di COVID-19 potrebbero costringere almeno 9,7 milioni di bambini a lasciare la scuola per sempre entro la fine di quest’anno, mentre milioni di altri bambini avranno gravi ritardi nell’apprendimento. Il cammino per garantire entro il 2030 a tutti i bambini di poter andare a scuola era già a rischio, e non aveva registrato significativi progressi, ma l’emergenza Covid-19 rischia di consegnare a una generazione di bambini un futuro fatto solo di povertà. Questa la drammatica denuncia contenuta nel nuovo rapporto globale di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, dal titolo “Save our education- Salvate la nostra educazione” con il quale si chiede ai governi e ai donatori della comunità internazionale di rispondere a questa emergenza educativa globale investendo urgentemente nell’istruzione.


nessun commento a "News nazionali - 16 luglio 2020"

    vuoi scrivere un commento?