RACCONTO DEL VIAGGIO IN POLONIA

scansione0001Sono partite da Cervia, martedì 27 settembre, 51 persone (soci Auser, famigliari e amici)

per una gita in Polonia, organizzata in collaborazione con Esarcotur.

Le tappe sono state Bratislava, Cracovia, Wieliczka, Breslavia e infine i Campi tristemente famosi di Auschwitz e Birkenau.

Meravigliose le città che i nostri gitanti hanno visitato: i palazzi, le piazze, le chiese, i monumenti e tutte le particolarità che per epoca, stile, architettura e cultura sono all’origine della loro costruzione e del loro sviluppo. Se guarderete la galleria fotografica, anche voi, come tutti i partecipanti, ne rimarrete estasiati.

A Wieliczka c’è stato modo di visitare le miniere di salgemma, patrimonio mondiale culturale e naturale dell’umanità. Entrando in queste gallerie tutti sono rimasti a bocca aperta per lo spettacolo meraviglioso che offrono, immagini che sembrano uscite direttamente dalle matite di Walt Disney e che, nelle animazioni sugli schermi, hanno allietato l’infanzia di tutti noi, ma che in quel luogo eccezionale sembrava di poter toccare con mano e calpestare con i propri piedi; questa è la sensazione che hanno suscitato le opere d’arte scolpite e create in quelle grotte, dalle mani di artisti sconosciuti, gli operai che lì lavoravano, testimonianza di una vita passata nelle viscere della terra, che rimarranno per sempre nel luogo dove sono state create e che, per fortuna, nessuno può asportare o rubare.

Quello, però, che ha lasciato un segno indelebile nell’animo di tutti, sono stati i campi di sterminio nazisti di Auschwitz e Birkenau. Lo sgomento che si prova alla visione di quei luoghi, quegli edifici, le immagini documentali, quelle strutture che sono state strumento di sofferenza, tortura, patimenti inimmaginabili e disumani, morti atroci per milioni di esseri umani, l’atmosfera che si respira e si vive ancora in quei luoghi, dopo oltre settanta anni, le emozioni, lo sgomento (come un colpo alla bocca dello stomaco) hanno lasciato sconvolti e basiti tutti quanti.

Il viaggio è stato lungo, ma tutto è andato nel migliore dei modi, la sistemazione alberghiera è stata soddisfacente e, anche grazie anche gli autisti della SAC di Cervia, gli amici che hanno partecipato sono scesi dal pullman, il 2 ottobre, molto contenti di quello che, anche questa volta, Auser Turismo Sociale Cervia ha offerto loro.

Aspettiamo tutti gli amici e soci Auser alle prossime iniziative che proporremo in futuro.

Per Auser Cervia….

Secondo


nessun commento a "RACCONTO DEL VIAGGIO IN POLONIA"

    vuoi scrivere un commento?