PAROLE IN LIBERTà: E NUNèN (IL NONNINO)

Torniamo ad attingere al volumetto Al mi cant (le mie cante) di Luciana Mazzoni (Santerno 1992)

E NUNÈN

L’avciaia l’e avnuda,

la m’é sealta ados,

an so bon d’purteala,

um fa meal agli os.

Al gamb agli è intiri,

an so bon at pigheali,

al braz agli è instéchi,

a fadigh a druveali.

A lavur incora

mo a so sémpar strak,

a brogn, a prutèst.

An dégh dal patak.

Senza fea gnit

mè an so bon at’ stea,

se i fiul ia bsogn

mè ai voi aiutea.

A là pral tear

a steag tot e dè

a feagh sempar di cont

a scorr da par mè;

avrèb sèmpar fea

piò d’quèl ch’a so bon,

mo bsogna c’am chealma

c’a pès par quaion.

Quand am’ardus

in ca’ par magnea

a gnek incora,

un gn’è gnit da fea.

A n’un m’n’adègh piò,

la m’ven da parlì,

intant che la moi

an feagh istizì.

«Mo fala finida

cun tot che gnichea,

l’andrà pèz piò avanti

s’t’at truv amalea».

Al so da par mè

che sa dur a campea

l’andrà sèmpar pèz.

Mo mè am voi sfughea.

E nènc s’li la breava

mè an steag ascultea,

a feag coma a voi,

a feagh coma um pea.

IL NONNINO

La vecchiaia è arrivata,

mi è saltata addosso,

non riesco a portarla,

mi fanno male le ossa

Le gambe sono un’unico blocco

non riesco a piegarle

le braccia sono irrigidite,

fatico ad usarle.

Lavoro ancora

ma sono sempre più stango

brontolo, protesto.

Ne dico di sciocchezze.

Senza far niente

non riesco a stare,

se i figli hanno bisogno

io li voglio aiutare.

Laggiù nei campi

sto tutto il giorno

faccio sempre dei conti

parlo da solo;

vorrei sempre fare

più di quello che riesco,

ma bisogna che mi dia una calmata

altrimenti passo per babbeo.

Quando rientro

a casa per mangare

borbotto ancora,

non c’è niente da fare

Non me ne accorgo più,

mi viene da sola (borbottare)

fino a quando la moglie

non faccio arrabbiare.

«E falla finita

con tutto quel borbottare,

andrà peggio più avanti

se ti capiterà di ammalarti».

Lo so anch’io

che se continuerò a vivere

andrà sempre peggio.

Ma io voglio sfogarmi.

E anche se lei strepita

io non la ascolto,

faccio come voglio,

faccio come mi pare.


nessun commento a "PAROLE IN LIBERTà: E NUNèN (IL NONNINO)"

    vuoi scrivere un commento?